Tra i fumi e la nebbia di Leonardo Mucciante

Tra i fumi e la nebbia di Leonardo Mucciante

In occasione dell’uscita del suo ultimo singolo “Sabato Nebbia”, abbiamo fatto qualche domanda a Leonardo Mucciante.

Ciao Leonardo è la prima volta che ti ascoltiamo e la tua canzone Sabato Nebbia ci ha particolarmente stupito. Ti va di raccontarci qualcosa su di te? 

Ciao Machenesannoglialtri! Da dove potrei cominciare? Iniziai a studiare canto circa 14 anni fa quando mia madre, vedendomi da sempre appassionato alla musica, mi propose di provare a fare una lezione. Da lì non ho più smesso. E’ stato come girare La valvola, quella che mi riempiva completamente. Fino a 6/7 anni fa cantavo solamente canzoni di altri, fino a che non sentii il bisogno di dire ciò che sentivo scrivendo canzoni, sfogando del tutto i miei pensieri. I primi testi sono stati più di conoscenza, capire cosa voleva dire scrivere una canzone, poi ho iniziato a studiare chitarra e pianoforte. Da lì cercavi di unire testo e musica.. Il resto è duro lavoro e canzoni sentite. 

Abbiamo notato il tuo profilo Instagram ed è molto particolare, come mai hai scelto questo stile molto geometrico e quasi disorientante? 

Perché la mente è questo. Sappiamo così tanto quanto poco. I sogni sono incomprensibili a volte.

Le mie esperienze sono sempre state parecchio disorientanti. Mentalmente difficili da sopportare, almeno per me. Mi hanno formato e mi hanno reso la persona che sono adesso. Vedo la vita come un vortice pieno di emozioni che bisogna affrontare, e anche godersele perché tutto porta sempre da qualche parte. Sabato Nebbia è inoltre il brano più introspettivo che ho scritto, quello forse più difficile da scrivere per me. Non sapevo proprio come reagire, ritrovandomi completamente sopraffatto dai pensieri e dalle emozioni. 

A proposito di stile geometrico, cosa ci dici della tua precedente esperienza con i Geometri? 

Eravamo grandiosi! Portavamo avanti due progetti: uno pop-rock ed uno progressive-rock. Nei due brani pubblicati, tra l’altro, hanno partecipato all’arrangiamento due componenti dei Geometri. 

Com’è nato il pezzo Sabato Nebbia? 

Sabato Nebbia nasce 5 anni fa dopo una visita a Roma. 5 giorni fantastici. L’atmosfera era perfetta. L’ultimo giorno qualcosa è cambiato, passando dal bianco al nero senza nessuna sfumatura di mezzo. Mi ha completamente disorientato facendomi sentire come se stessi “nuotando in mezzo ad un oceano”.  

Manuel Apice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.